Banca del Tempo
momo
banca del tempo momo bologna

BdT Momo Bologmna: chi siamo

BdT MOMO Bologna : chi siamo ,cosa facciamo ,la nostra storia

La Banca del tempo Momo di Bologna vuole essere uno strumento in grado di mettere in rete individui, associazioni, enti, in un unico sistema di scambio partecipativo ispirato a criteri di mutualità e sussidiarietà. Il target degli utenti è composto dalla comunità, che ne condivide gli obiettivi e l’azione, nel territorio di Bologna e soprattutto nel quartiere Navile. Momo si trova all’interno di un progetto regionale che ha come obiettivo quello di far nascere nuove esperienze sul territorio e costruire una rete di BdT che metta in relazione le une con le altre, attraverso l’utilizzo di un software di gestione scambi che automatizza la contabilità e facilita la comunicazione fra utenti. L’iscrizione alla Banca del Tempo avviene presentandosi personalmente allo sportello. All’atto dell’iscrizione si versa un gettone di un’ora alla BdT Momo per contribuire al mantenimento di un fondo ore della banca. L’iscritto ottiene una password con la quale può, da casa propria, gestire la propria pagina personale nel software. In questo modo può inserire le proprie offerte e disponibilità, specificare quali servizi cerca, aggiornare il proprio estratto conto inserendo di volta in volta gli scambi effettuati. Ma soprattutto può subito individuare il servizio che può essergli utile e contattare direttamente la persona che lo offre, accordandosi sulle disponibilità. Il tipo di servizi scambiati va dalle ripetizioni scolastiche, ai massaggi terapeutici, dalle riparazioni in casa all’assistenza handicap. Possono essere attivati corsi, tra un singolo e un gruppo di persone, per la sperimentazione di nuovi modelli di gestione dei servizi collettivi, come laboratori musicali o corsi di yoga. Momo si è sviluppata lentamente, è una macchina complessa, è ancora in fase di crescita, si estende gradualmente e il “movimento” la fa vivere. Crediamo che la Banca del Tempo abbia un forte potenziale sociale e formativo, perché da ogni scambio nascono altri scambi che si riproducono a catena, ma non necessariamente nei termini della velocità e dell’efficienza, quanto piuttosto dell’efficacia e della solidarietà . Le strade per valorizzare il sistema della BdT sono innumerevoli, possono esistere diversi modi di far interagire una Banca del Tempo con le varie forme di economia esistenti. Basta prendere coscienza di quanto valgono le capacità di ognuno e la volontà di rimetterle in circolazione, di prendersi il tempo e dedicarlo ad altri.


Momo è nata il 25 marzo 2006 a Bologna , per lo spirito solidaristico e la pratica dell'autogestione, rappresenta un contesto fertile per sperimentare questo sistema di scambio. Tutti i giovedi dalle 18.30 circa, è presente un banchetto informativo all’interno del mercatino biologico di via Fioravanti 24. Da settembre 2009 ha attivato uno sportello di iscrizioni e informazioni all’Hub, via L.Serra 2/G, aperto tutti i martedi dalle 17.30 alle 19.30.



La Banca del Tempo Momo vuole essere uno strumento in grado di mettere in rete individui, associazioni, enti, in un unico sistema di scambio partecipativo ispirato a criteri di mutualità e sussidiarietà.
Il target degli utenti è composto dalla comunità, che ne condivide gli obiettivi e l’azione, nel territorio di Bologna e soprattutto nel quartiere Navile.
Momo si trova all’interno di un progetto regionale che ha come obiettivo quello di far nascere nuove esperienze sul territorio e costruire una rete di BdT che metta in relazione le une con le altre, attraverso l’utilizzo di un software di gestione scambi che automatizza la contabilità e facilita la comunicazione fra utenti.
L’iscrizione alla Banca del Tempo avviene presentandosi personalmente allo sportello. All’atto dell’iscrizione si versa un gettone di un’ora alla BdT Momo per contribuire al mantenimento di un fondo ore della banca. L’iscritto ottiene una password con la quale può, da casa propria, gestire la propria pagina personale nel software. In questo modo può inserire le proprie offerte e disponibilità, specificare quali servizi cerca, aggiornare il proprio estratto conto inserendo di volta in volta gli scambi effettuati. Ma soprattutto può subito individuare il servizio che può essergli utile e contattare direttamente la persona che lo offre, accordandosi sulle disponibilità.
Il tipo di servizi scambiati va dalle ripetizioni scolastiche, ai massaggi terapeutici, dalle riparazioni in casa all’assistenza handicap.
Possono essere attivati corsi, tra un singolo e un gruppo di persone, per la sperimentazione di nuovi modelli di gestione dei servizi collettivi, come laboratori musicali o corsi di yoga.
Momo Bologna si è sviluppata lentamente, è una macchina complessa, è ancora in fase di crescita, si estende gradualmente e il “movimento” la fa vivere. Crediamo che la Banca del Tempo abbia un forte potenziale sociale e formativo, perché da ogni scambio nascono altri scambi che si riproducono a catena, ma non necessariamente nei termini della velocità e dell’efficienza, quanto piuttosto dell’efficacia e della solidarietà .
Le strade per valorizzare il sistema della BdT sono innumerevoli, possono esistere diversi modi di far interagire una Banca del Tempo con le varie forme di economia esistenti. Basta prendere coscienza di quanto valgono le capacità di ognuno e la volontà di rimetterle in circolazione, di prendersi il tempo e dedicarlo ad altri.






perchè spendere soldi per un servizio o rinunciarvi per mancanza di tempo?
C'è la Banca del Tempo ...MOMO.


cura della persona ,lavori manuali, elettricista ,idraulico ,traduzioni ,assistenza computer, massaggi, taglio di capelli ,aiuto in casa, lezioni, babysitter, servizio taxi, questioni burocratiche, imparare a suonare, corso di yoga, traslochi ....

tutto questo ed altro ancora da inventare può essere oggetto di scambio grazie alla Banca del Tempo MOMO